Chi può organizzare una manifestazione a premi?

soggetto-promotore-premi

 

Le manifestazioni a premio in Italia sono regolate dal DPR 430/2001, l’art. 5 del decreto è dedicato ai soggetti promotori ossia i soggetti legittimati a svolgere in Italia un concorso a premi o una operazione a premi.

Nell’articolo di oggi scopriamo quali sono i soggetti che possono configurarsi come promotori di una manifestazione a premio, quali sono le disposizioni in merito alle società estere e chi sono i soggetti associati e delegati in una manifestazione a premi.

Quali soggetti possono svolgere una manifestazione a premi?

I soggetti legittimati ad organizzare un concorso o una operazione a premi sono:

  1. Le imprese produttrici dei beni o servizi promozionati dall’iniziativa.
  2. Le imprese commerciali fornitrici dei beni o servizi promozionati dall’iniziativa.
  3. Le organizzazioni rappresentative dell’associazionismo economico tra imprese costituite come:
    • Consorzi;
    • Società cooperative.

Attraverso le FAQ, consultabili sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico, il MiSE precisa che:

Legittimati a svolgere le manifestazioni a premio sono esclusivamente i soggetti iscritti nel Registro delle imprese e non le persone fisiche, anche se titolari di Partita Iva.

Un soggetto non indicato nel Dpr 430/2001 può organizzare una manifestazione a premi?

I soggetti che non rientrano nelle succitate categorie non possono svolgere una manifestazione a premi.
Ad esempio, una influencer – intesa come persona fisica non iscritta al Registro delle Imprese – non è legittimata a svolgere iniziative quali i “contest” o i “giveaway”.

Le manifestazioni a premio svolte da soggetti non espressamente individuati dalla normativa sono vietate e sottoposte ad una sanzione amministrativa pecuniaria da una a tre volte l’IVA sul montepremi posto in palio.

Si consiglia l’articolo dedicato per approfondire tutti gli aspetti relativi alle sanzioni emesse nell’ambito delle manifestazioni a premio.

Le imprese estere possono svolgere una manifestazione a premi in Italia?

Le imprese estere sono autorizzate a svolgere in Italia una manifestazione a premi ma bisogna fare una distinzione:

  1. Se la sede legale del promotore è in un Paese membro dell’Unione Europea,
    si applica la normativa propria di quello Stato e l’Italia vigilerà ai soli fini della tutela degli interessi dei consumatori.
    La manifestazione a premio però non deve prevedere l’acquisto di prodotti o servizi sul territorio italiano.
  2. Se la sede legale del promotore non è in un uno Stato membro dell’Unione Europea,
    il promotore deve nominare un rappresentante fiscale in Italia o avvalersi dell’istituto dell’identificazione diretta (DL n. 191/2002).

Una ONLUS può organizzare un concorso a premio?

Le associazioni senza fini di lucro, i comitati, gli enti morali, le Onlus possono svolgere esclusivamente manifestazioni di sorte locale con le modalità ed i limiti di cui agli articoli 13 e 14 del citato DPR 430/2001.

Le ONLUS iscritte al Registro delle Imprese sono invece autorizzate ad organizzare manifestazioni a premio.

Quali sono le ditte associate?

Si configura l’associazione di imprese quando due o più imprese, ciascuna per i propri fini in relazione alle attività economiche svolte in base all’oggetto sociale:

Promuovono la conoscenza di prodotti e/o di servizi e/o di ditte e/o di insegne e/o di marchi e/o la vendita di determinati prodotti e/o di servizi aventi un fine, in tutto o in parte, commerciale.

Il DPR 430/2001 stabilisce che in caso di manifestazione effettuata da due o più soggetti, questi sono responsabili in solido per le obbligazioni assunte nei confronti dei destinatari dell’iniziativa e per il pagamento di eventuali sanzioni.

Le ditte associate: quando si configura l’associazione?

Le succitate FAQ ministeriali ci forniscono diversi esempi di associazione nell’ambito di un’iniziativa premiale. L’associazione può verificarsi quando:

  • Un prodotto viene venduto in determinati punti vendita oppure in determinate catene commerciali – e non in altre – ed i consumatori possono partecipare alla manifestazione solo recandosi presso quei determinati esercizi commerciali.
  • Nella denominazione della manifestazione a premio vi sia espresso riferimento ad una specifica insegna commerciale o marchio.
  • Un social network risulta l’unico canale di partecipazione alla manifestazione.
  • In una fase della meccanica si favorisce la partecipazione tramite il social network rispetto ad altri canali di partecipazione.

Le ditte associate: quando NON si configura l’associazione?

Non si configura invece l’associazione quando:

  • Uno specifico rivenditore plurimarche mette in promozione un determinato prodotto.
  • Un social network risulta l’unico canale di partecipazione ad una manifestazione a premio ma i partecipanti risultano iscritti al Social prima della data di inizio dell’iniziativa.
  • In una fase della meccanica si favorisce la partecipazione tramite il social network rispetto ad altri canali di partecipazione ma i partecipanti risultano iscritti al Social prima della data di inizio dell’iniziativa.

Quali sono i soggetti delegati?

I soggetti promotori di una manifestazione a premio possono delegare agenzie di promozione od operatori professionali a rappresentarli in tutti gli adempimenti relativi all’iniziativa premiale.

Tra gli adempimenti che un promotore può affidare ad un soggetto delegato possiamo annoverare:

  • Inoltro dei documenti della manifestazione al MiSE attraverso il sistema PremaOnline.
  • Prestazione della cauzione (fideiussione o deposito provvisorio);
  • Autocertificazione del regolamento nell’ambito delle operazioni a premio.
  • Svolgimento di verbali di assegnazione e di chiusura.
  • Domiciliazione e conservazione di tutta la documentazione della manifestazione a premio.

I soggetti delegati: quanti delegati si possono nominare?

Il soggetto promotore può delegare uno o più soggetti delegati, ognuno autorizzato a svolgere uno o più adempimenti.

E’ vietato per un soggetto delegato conferire delega a terzi (subdelega) anche se vi è consenso del soggetto promotore.

I soggetti delegati: esiste un albo?

In Italia non esiste alcun albo delle agenzie di promozione che possono essere delegate per svolgere gli adempimenti richiesti dal DPR 430/2001.

Si consiglia però di rivolgersi sempre a professionisti del settore al fine di evitare sanzioni emesse a seguito di iniziative non regolari.

I soggetti delegati: l’atto di delega deve avere una forma specifica?

Il DPR 430/2001 non fornisce alcuna informazione circa la redazione del mandato.

Il Ministero dello Sviluppo Economico stabilisce che l’atto di delega debba essere trasmesso solo qualora la divisione competente ne faccia esplicita richiesta.

Conclusioni

Le manifestazioni a premio sono iniziative che possono essere svolte solo da soggetti che esercitano un’attività di impresa in via esclusiva o principale.
Lo svolgimento da parte di soggetti non autorizzati espone il promotore a sanzioni pecuniarie.
Se vi occorre consulenza e supporto per lo svolgimento della vostra prossima manifestazione a premio, contattatemi.

Articolo precedente
Come si organizza un concorso a premi su classifica?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Dichiaro di avere preso attenta visione dell’informativa sulla privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali per le finalità al suo interno ex. Artt. 13-14 Reg.to UE 2016/679
accetto
Vi informiamo inoltre che i Vostri dati anagrafici saranno trattati solo ed esclusivamente da RAFFAELLA STINELLLI o da soggetti espressamene incaricati per l’esecuzione di alcuni dei servizi richiesti e non verranno ceduti a terzi senza un Vostro previo consenso in osservanza GDPR

Menu