Fideiussione o deposito: quale cauzione è la scelta migliore per la vostra iniziativa?

Fideiussione o deposito

 

La normativa in vigore stabilisce che per lo svolgimento di una manifestazione a premio il promotore debba versare una cauzione a garanzia dei premi promessi.

La cauzione può essere versata tramite fideiussione (bancaria o assicurativa) o tramite deposito provvisorio (in denaro o in titoli presso la Banca d’Italia) ma quale tra le due è la scelta migliore per la vostra iniziativa? Fideiussione o deposito?

Nell’articolo di oggi approfondiremo le differenze tra le due tipologie di cauzione e individueremo le variabili da considerare per comprendere quale tra le due opzioni sia la più adatta al vostro caso.

La cauzione nelle manifestazioni a premio: un breve riepilogo

Prima di procedere, riepiloghiamo gli elementi che caratterizzano la cauzione nell’ambito dei concorsi e delle operazioni a premio:

  • La cauzione può essere versata dal promotore dell’iniziativa o dal soggetto delegato.
  • La cauzione può essere costituita attraverso il versamento di un deposito provvisorio o la richiesta di una fideiussione bancaria o assicurativa.
  • Nel caso di un concorso a premio la cauzione deve coprire il 100% del montepremi al netto dell’Iva.
  • Nel caso di una operazione a premio con consegna non immediata del premio la cauzione deve coprire il 20% del montepremi stimato al netto dell’Iva.

Quali sono le modalità di versamento e di svincolo delle due cauzioni?

Il primo aspetto che differenzia le due cauzioni è sicuramente la modalità di versamento e di svincolo.

Le modalità di versamento e di svincolo della fideiussione

  • La richiesta

La fideiussione può essere richiesta presso la propria banca o assicurazione o in alternativa ci si può rivolgere ad un broker assicurativo.

In linea generale per la richiesta della fideiussione serviranno il bilancio dell’anno precedente e la visura camerale.

Quando ci si rivolge presso la propria banca o la propria assicurazione è probabile che questi documenti siano già siano in loro possesso quindi i tempi per completare la pratica sono ridotti.

  • Lo svincolo

La fideiussione si svincola in maniera automatica quindi il promotore non dovrà fare nulla al termine del concorso, ma il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) chiarisce che:

Gli istituti bancari o le compagnie di assicurazione hanno l’onere di apporre sull’atto fideiussorio la clausola di svincolo automatico una volta decorso il termine di efficacia della garanzia.

Il deposito provvisorio: procedure di versamento e svincolo

  • Il versamento

Per versare il deposito bisogna recarsi personalmente presso lo sportello della Ragioneria di Stato competente per territorio o, da gennaio 2019, è possibile effettuare il versamento attraverso un bonifico bancario. Per il deposito provvisorio non sono necessari documenti ma solo il versamento del denaro.

  • Lo svincolo

Per svincolare il deposito provvisorio bisogna attendere un decreto di svincolo da parte del Ministero dello Sviluppo Economico emesso a seguito della corretta chiusura del concorso (invio del CO2) dopodiché è necessario presentarsi personalmente presso l’ufficio della Ragioneria di Stato competente per territorio con alcuni documenti e un paio di marche da bollo.

I costi delle due tipologie di cauzione per i concorsi a premio

Il secondo aspetto che differenza le due tipologie di cauzione è il costo e il fatto che quello sostenuto per il deposito è possibile recuperarlo mentre quello per l’accensione della fideiussione no.

I costi della fideiussione

La fideiussione non ha un costo fisso e spesso non è possibile prevederlo con anticipo.

L’unico modo per avere una previsione di costo è grazie alle esperienze passate, quindi se l’azienda ha già richiesto una fideiussione per un concorso a premi o una operazione a premi avrà già un’idea di quanto verrà a costare la fideiussione per la nuova iniziativa.

Si precisa che il costo per la richiesta di una fideiussione comprende le seguenti voci:

  • polizza;
  • autentica di firma;
  • marca da bollo.

Il costo relativo alla voce “polizza” è definito in base al rischio di credito relativo alla società che richiede la fideiussione e al valore del montepremi da garantire.

Il deposito provvisorio: quali sono i costi?

I costi per il versamento sono esigui e riconducibili ai costi applicati dalla propria banca per la predisposizione del bonifico bancario.

Il denaro versato per costituire il deposito provvisorio si può riscattare in quanto, al termine dell’iniziativa, il deposito sarà svincolato dal Ministero dello Sviluppo Economico e il promotore rientrerà in possesso della cifra versata. Il costo per lo svincolo consiste in un paio di marche da bollo.

Quanti giorni occorrono per la richiesta?

Un ultimo aspetto che differenzia le due tipologie di cauzione è il tempo necessario per la richiesta della fideiussione o del versamento del deposito provvisorio.

Tempi di attesa per ottenere la fideiussione

Per richiedere una fideiussione bancaria o assicurativa sono necessari all’incirca dai 5 ai 10 giorni, dipende molto dalla velocità e dall’esperienza dell’istituto che la emette.

La fideiussione deve essere autenticata da un notaio e questa operazione potrebbe richiedere alcuni giorni di lavorazione.

Il deposito provvisorio: quanto occorre per il versamento?

Per il versamento di un deposito provvisorio bisogna recarsi personalmente presso l’ufficio della Ragioneria di Stato competente per territorio con il denaro da versare. L’ufficio costituisce immediatamente il deposito provvisorio e rilascia la ricevuta.

Da gennaio 2019 il deposito provvisorio può essere versato tramite bonifico bancario; per la comprova del versamento del deposito è sufficiente la contabile del bonifico eseguito.

Quando scegliere la fideiussione e quando il deposito?

Tenendo conto delle differenze tra le due tipologie di cauzione illustrate, vediamo insieme quali variabili dovrete considerare per effettuare un’attenta scelta:

  1. Il valore da garantire
    Nel paragrafo in merito al costo per la richiesta di una fideiussione o il versamento di un deposito provvisorio abbiamo visto che la prima ha un costo di accensione che comprende oltre la polizza anche l’autentica notarile mentre il secondo ha un costo per il versamento trascurabile.

Se il montepremi dell’iniziativa ha un valore esiguo, di qualche centinaio di euro, non è consigliato richiedere una fideiussione perché probabilmente richiedere una fideiussione vi costerà più che versare in contanti il deposito.

  1. La scadenza ministeriale per l’invio del CO1
    Richiedere una fideiussione assicurativa o bancaria richiede dei tempi di lavorazione mentre per il versamento del deposito è sufficiente effettuare un bonifico bancario.

Se la scadenza ministeriale è alle porte e non si dispone dei giorni necessari per richiedere la fideiussione il consiglio è di versare un deposito provvisorio tramite bonifico bancario; in questo modo la comprova del versamento della cauzione è immediatamente disponibile e non incorrerete in sanzioni per il ritardo nell’invio della comunicazione di avvio del concorso (CO1).

  1. La disponibilità
    Versare un deposito provvisorio o richiedere una fideiussione è molto semplice ed è possibile farlo anche in modalità digitale: il deposito infatti può essere versato tramite bonifico bancario e, nel caso della fideiussione, le firme sui documenti di richiesta possono essere apposte attraverso la firma digitale.

Lo svincolo invece è differente: mentre per la fideiussione non è richiesto alcun intervento, per svincolare un deposito è necessario che qualcuno dell’azienda si rechi personalmente presso l’ufficio della Ragioneria di Stato competente per territorio, pertanto se questo si trova al di fuori del proprio comune o il promotore non ha la possibilità di inviare qualcuno sarà preferibile optare per la fideiussione.

Conclusioni

Individuare la soluzione migliore tra deposito o fideiussione per l’organizzazione del vostro concorso a premi o della vostra operazione a premi può semplificare di molto la gestione della pratica. Se per la prossima iniziativa doveste avere bisogno di un consiglio professionale o di supporto per la richiesta della cauzione, contattatemi.

Articolo precedente
I concorsi a premi su Instagram
Articolo successivo
Come si organizza un concorso a premi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Dichiaro di avere preso attenta visione dell’informativa sulla privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali per le finalità al suo interno ex. Artt. 13-14 Reg.to UE 2016/679
accetto
Vi informiamo inoltre che i Vostri dati anagrafici saranno trattati solo ed esclusivamente da RAFFAELLA STINELLLI o da soggetti espressamene incaricati per l’esecuzione di alcuni dei servizi richiesti e non verranno ceduti a terzi senza un Vostro previo consenso in osservanza GDPR

Menu