Come si richiede la fideiussione per un concorso a premi?

fideiussione-concorso-premi

 

La normativa che regola le manifestazioni a premio in vigore nel nostro paese stabilisce che per lo svolgimento di un concorso a premio, o di una operazione a premi, il promotore debba versare una cauzione a garanzia dei premi promessi.

La costituzione della cauzione è dunque uno degli adempimenti amministrativi obbligatori previsti per l’organizzazione di un concorso a premi.

Nell’articolo di oggi approfondiamo una delle due modalità di versamento della cauzione, la fideiussione, e nello specifico la fideiussione a garanzia dei premi in palio in un concorso a premi.

Come si versa la cauzione per un concorso a premio?

Prima di procedere è bene riepilogare gli aspetti che caratterizzano la cauzione versata per un concorso a premio:

  • Può essere versata dalla società promotrice del concorso a premi o dal soggetto delegato.
  • Può essere costituita attraverso il versamento di un deposito provvisorio in denaro o attraverso una fideiussione bancaria o assicurativa.
  • Deve garantire il 100% del valore del montepremi totale al netto dell’iva o dell’imposta sostitutiva dovuta.
  • Deve essere inviata al Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) 15 giorni prima dalla data di inizio del concorso a premi.

Quali requisiti deve avere la fideiussione di un concorso a premi?

La fideiussione, sia essa bancaria o assicurativa, deve essere richiesta rispettando le seguenti indicazioni:

  • Il beneficiario deve essere il Ministero dello Sviluppo Economico, Dipartimento per l’Impresa e l’Internazionalizzazione, DGMCCVNT – Divisione XIX – Manifestazioni a premio.
  • Deve essere valida e operante sino a 1 anno dopo la data del verbale di assegnazione del concorso a premi.
  • Deve essere in bollo e con autentica di firma.

A chi si richiede la fideiussione e quali documenti sono necessari?

La fideiussione può essere richiesta presso la propria banca o la compagnia di assicurazione o, in alternativa, ci si può rivolgere ad un broker assicurativo.

In linea generale per la richiesta della fideiussione il richiedente dovrà fornire alcuni documenti:

  1. il bilancio dell’anno precedente;
  2. la visura camerale aggiornata della società.

Quando ci si rivolge alla propria banca o alla propria assicurazione è probabile che questi documenti siano già siano in loro possesso quindi i tempi per sbrigare la pratica di richiesta potrebbero accorciarsi.

Quanti giorni occorrono per la richiesta di una fideiussione?

La richiesta di una fideiussione bancaria o assicurativa può richiedere dai 5 ai 10 giorni lavorativi, dipende dalla velocità e dall’esperienza dell’istituto che la emette.

La firma apposta sulla fideiussione deve essere autenticata da un notaio e questa operazione potrebbe richiedere diversi giorni.

Quali informazioni del concorso bisogna fornire per la richiesta della fideiussione?

Per la richiesta della fideiussione la società promotrice dovrà fornire una serie di informazioni riguardanti il concorso a premi sicché al momento dell’apertura della pratica è necessario aver già stabilito questi aspetti.

Le informazioni di un concorso necessarie per la richiesta di una fideiussione sono le seguenti:

  • Tipologia di iniziativa (concorso a premio).
  • Denominazione del concorso a premi.
  • Data di inizio del concorso.
  • Data di termine del concorso.
  • Data di assegnazione dei premi in palio.
  • Montepremi in palio al netto dell’iva o dell’imposta sostitutiva dovuta.

È bene ricordare che una volta comunicate le informazioni del concorso queste non potranno più essere modificate se non attraverso un’appendice alla fideiussione. La modifica di una fideiussione di norma richiede ulteriori costi oltre a quelli già previsti per l’emissione della fideiussione stessa.

Come si svincola la fideiussione per un concorso a premi?

La fideiussione a garanzia di un concorso a premi si svincola in maniera automatica dunque il promotore non dovrà occuparsi di alcuna pratica al termine dell’iniziativa. Lo svincolo automatico della fideiussione inoltre non prevede costi a carico della società promotrice.

In merito allo svincolo della fideiussione il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE) specifica che:

Gli istituti bancari o le compagnie di assicurazione hanno l’onere di apporre sull’atto fideiussorio la clausola di svincolo automatico una volta decorso il termine di efficacia della garanzia.

La clausola di svincolo automatico da apporre sulla fideiussione del concorso a premi è la seguente:

La presente fideiussione si intende valida ed operante fino al __ / __ / ____, oppure trascorsi 180 giorni dalla data di trasmissione al Ministero dello sviluppo economico del processo verbale redatto ai sensi del dell’art. 9, comma 4, d.P.R. 26 ottobre 2001, n. 430, da cui risulti la regolare chiusura della manifestazione, termini decorsi i quali e senza che ci sia pervenuta Vs. richiesta di escussione a mezzo raccomandata A/R, sarà da intendersi nulla e priva di efficacia anche senza la materiale restituzione del presente atto.

Conclusioni

La richiesta della fideiussione è una pratica che richiede particolare attenzione al fine di evitare l’emissione di fideiussioni non valide o che comportino continui adeguamenti e/o modifiche con conseguenti costi non previsti.

Si rimanda all’articolo Fideiussione o deposito: quale cauzione è la scelta migliore per la vostra iniziativa? per valutare se la fideiussione è il tipo di cauzione più indicata per il vostro concorso a premi.

Articolo precedente
Le vendite abbinate: quando non sono manifestazioni a premio?
Articolo successivo
Manifestazioni a premio escluse: i concorsi televisivi e radiofonici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Dichiaro di avere preso attenta visione dell’informativa sulla privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali per le finalità al suo interno ex. Artt. 13-14 Reg.to UE 2016/679
accetto
Vi informiamo inoltre che i Vostri dati anagrafici saranno trattati solo ed esclusivamente da RAFFAELLA STINELLLI o da soggetti espressamene incaricati per l’esecuzione di alcuni dei servizi richiesti e non verranno ceduti a terzi senza un Vostro previo consenso in osservanza GDPR

Menu